In questo articolo cercheremo di capire perché l’ottimizzazione per i motori di ricerca deve essere un’attività continua.

Forse già sai che l’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) può rendere il tuo sito più visibile agli utenti che cercano prodotti e servizi come i tuoi.

Il primo passo è la ricerca delle parole chiave: scoprire quali parole o frasi digitano i potenziali clienti, cercando ciò che può essere pertinente alla tua attività.

Supponiamo che tu possieda una piccola azienda e che da poco hai avviato un servizio di consegna a domicilio di cibi e bevande Bio.
Sarà per te utile capire cosa cercano le persone interessate ai tuoi prodotti per ottimizzare i contenuti o le offerte del tuo sito, rispondendo così a tali esigenze.
Ad esempio, una volta capito che i tuoi clienti sono interessati alla cucina  vegetariana, potresti decidere di pubblicare settimanalmente tu stesso delle ricette, magari proponendo degli ingredienti di tua produzione.

Bisogna però ricordare che le tendenze cambiano, per cui il piano SEO deve essere un’attività continua: monitorare i cambiamenti e il loro impatto sul sito, cercando di continuare ad attrarre i clienti con il cosiddetto traffico organico.

Con “traffico organico” faccio riferimento a quelle conversioni ottenute “solo” grazie al lavoro di SEO e di contenuti del proprio sito.
Spesso è bene valutare di dedicare una parte di investimento ad un piano di attività SEM (Search Engine Optimization) volte ad acquisire maggiori volumi di traffico sul sito.

Lavorando bene in ambedue le direzioni contemporaneamente (organico e a pagamento)è possibile creare una sinergia potente che conferisce enorme visibilità sui motori di ricerca.

Poche semplici mosse:

Ecco 4 suggerimenti che ti aiuteranno a mantenere il tuo sito in buona posizione nei risultati di ricerca.

1 – Scopri come funzionano i motori di ricerca (leggi dei blog dove esperti spiegano gli aggiornamenti, le nuove funzionalità e le modifiche degli algoritmi, con suggerimenti su come ottimizzare al meglio i siti web).

2 – Monitora i cambiamenti, controllandone l’effetto sul tuo sito (ad esempio verifica che il tuo sito sia perfettamente fruibile anche dai dispositivi mobili e se così non fosse valuta un restyling).

3 – Guarda sempre cosa fa la concorrenza: trai ispirazione da chi è nel tuo stesso settore e osserva come si muove nella rete.

4 – Ascolta i tuoi clienti. Chi meglio di loro può darti suggerimenti e spunti su come rendere il tuo sito o il tuo servizio più completo?

In poche parole si tratta semplicemente di capire cosa vogliono gli utenti, creare e condividere i contenuti che cercano ed essere pronti a cambiare tattica se necessario.

Clicca qui e scopri come WEBcesena può assisterti nelle attività di SEO.